Il magazzino di un’azienda è il suo portafogli, perché contiene i beni e le materie prime su cui l’azienda costruisce i suoi guadagni. Una gestione logistica organizzata è fondamentale per far girare gli affari nel modo giusto. La gestione puntuale di ordini e commesse è un punto chiave dell’intero ciclo, ma è una sfida non sempre facile, soprattutto se ti occupi non solo di acquisto, stoccaggio e rivendita, ma anche di produzione.

Eppure, una buona organizzazione nella produzione e nella gestione commesse non solo è possibile, ma si può facilmente attuare con la giusta strategia. Con questo problema si è misurata anche Aertesi, un’azienda che si occupava di acquisto-assemblaggio-rivendita di apparecchiature caldo-freddo. Aertesi ha visto complicarsi la misurazione della propria efficienza quando è stata introdotta una nuova unità produttiva di carpenteria e lo stoccaggio si è distribuito su due unità geograficamente disgiunte.

Ecco come hanno affrontato il problema.

Le sfide della crescita: ottimizzare lo stoccaggio e l’efficienza di produzione

Quando abbiamo rilevato l’azienda – ci racconta Alessia, amministratrice – il ciclo era molto semplice: acquisto, assemblaggio e rivendita. Nel momento in cui, avendo la possibilità di investire, abbiamo deciso di aprire una sede di produzione interna, è sorto un problema in più: la gestione di tutti i processi e la gestione dei due magazzini in contemporanea.

Luca, elettricista, aggiunge: La problematica maggiore che avevamo era trovarsi senza materiale. Solitamente io mi trovavo senza materiale di consumo e anche materiale specifico per alcune commesse, che perciò si bloccavano.

lavoratore nel ciclo produttivo

La mancanza di disponibilità di materiali nel ciclo produttivo era la punta dell’iceberg di una non corretta pianificazione della produzione. Le esigenze principali erano dunque: avere dati chiari ed istantanei e semplificare i processi.

I benefici di una gestione efficace del ciclo produttivo

Applicare i principi del magazzino efficace porta benefici a tutti i livelli. Ecco i punti di vista di due diverse figure interne all’azienda sui vantaggi del nuovo sistema.

Luca, elettricista:

Con il nuovo gestionale, i risultati si cominciano a vedere: non capita più che esca un ordine se non abbiamo il pezzo per completare la commessa, si ferma tutto prima. Non vedo più macchine ferme che abbiamo bisogno di scaricare e ricaricare in un secondo momento. Poter pianificare è un grosso vantaggio.

I consulenti che ci hanno seguiti in questi 10 mesi ci hanno aiutato parecchio. Il maggior valore aggiunto è stato semplificare tutto il processo.

Alessia, amministratrice:

La cosa per me più importante è stata la gestione del magazzino e dell’inventario, che ora posso avere in tempo reale. Sappiamo cosa significhi e cosa comporti oggi per un’azienda avere un dato chiaro ed istantaneo.

Il passo successivo sarà quello di avere i previsonali e la pianificazione. È un processo in più che sto chiedendo di fare a Gaia e che stiamo definendo insieme.

 

Per ottimizzare la gestione logistica non è necessario essere tecnici o lavorare su formule complesse: la prima cosa da fare è applicare un sistema organizzativo su misura per la tua azienda, tenendo conto di tutti gli step del magazzino efficace. Vuoi saperne di più? Scarica gratis il nostro e-book.